To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

Palazzo Comelli.jpg
press to zoom
Complesso Comelli.jpg
press to zoom
Palazzo Comelli una volta.jpg
press to zoom
Cortile.JPG
press to zoom
Meridiana.jpg
press to zoom
Prospetto Ovest.jpg
press to zoom
Ingresso.JPG
press to zoom
Scalinata esterna.JPG
press to zoom
Palazzo Comelli esterno.jpg
press to zoom
Atrio.JPG
press to zoom
Museo Comelli.JPG
press to zoom
Montapersone.JPG
press to zoom
Archivio Comelli.jpg
press to zoom
Sala Conferenze.JPG
press to zoom
Sala Conferenze.JPG
press to zoom
Sala Conferenze.JPG
press to zoom
Palazzo Comelli.jpg
press to zoom
Complesso Comelli.jpg
press to zoom
Palazzo Comelli una volta.jpg
press to zoom
Cortile.JPG
press to zoom
Meridiana.jpg
press to zoom
Prospetto Ovest.jpg
press to zoom
Ingresso.JPG
press to zoom
Scalinata esterna.JPG
press to zoom
Palazzo Comelli esterno.jpg
press to zoom
Atrio.JPG
press to zoom
Museo Comelli.JPG
press to zoom
Montapersone.JPG
press to zoom
Archivio Comelli.jpg
press to zoom
Sala Conferenze.JPG
press to zoom
Sala Conferenze.JPG
press to zoom
Sala Conferenze.JPG
press to zoom

PALAZZO COMELLI - CAMUGNANO (BO)

2006 - 2015

La Storia

Palazzo Comelli è posto nell’alta valle del Limentra a confine con il territorio pistoiese all’interno del borgo Cà Melati, nella frazione di Bargi. La valle del Limentra si snoda dal Lago di Suviana a Riola di Vergato, dove si congiunge con la valle del Reno. E’ uno spazio intermedio, uno spazio di transizione; una valle di grande fascino e di grande bellezza. Ancor oggi è possibile osservare che in tempi relativamente recenti esisteva in questa, come in molte altre delle vallate montane, una fitta rete di sentieri forestali che collegano fra loro, non soltanto le comunità dei vari villaggi, ma anche organizzazioni agricole, sociali e culturali che davano loro vita.

Questa valle differisce dalle molte altre contermini, poiché per almeno un migliaio di anni questo territorio ha ricoperto il ruolo d’importante itinerario nazionale di valico appenninico tra le terre dell’Emilia e quelle della Toscana. Durante i secoli del Medioevo sono testimoniati grandi viaggi transappenninici soprattutto di pellegrinaggio e di commercio. Al Palazzo fanno dunque da contorno numerosi borghi ed edifici storici inseriti in un contesto storico naturalistico praticamente intatto.

Il Palazzo è composto da diversi ambienti, realizzati anche in epoche differenti. Il corpo centrale rappresenta la parte più importante, legata alla famiglia Comelli, che quivi ha abitato fino agli anni Sessanta del Novecento. Le altre porzioni del Palazzo sono rappresentate dalla Casa del Colono, la Casa del Custode, la Stalla e l’Oratorio di Santa Maria in Procole.


Il Restauro

Nell’intervento di restauro si è mantenuto l’aspetto essenzialmente conservativo dell’intervento, senza però rinunciare alla necessaria opera di consolidamento. In paricolare gli interventi sulla copertura hanno previsto la sostituzione delle parti logore e la conservazione, con trattamento, delle componenti conservate relative alla struttura portante. Sono state consolidate le murature mediante opere di ricucitura delle lesioni e rinforzo delle pareti in sasso. Successivamente ci si è occupati del restauro della scala esterna all’abitazione del Custode, in parte distrutta. Il Palazzo è stato inaugurato nel 2014 e nel 2020 è divenuto una delle sedi dell’Ecomuseo  Camugnanese, insieme al Mulino Cati e al Museo della Terra e del Sole.

Progettisti

Committente: Comune di Camugnano;

Progetto Architettonico e Direzione Operativa architettonica: Arch. Stefano Piazzi;

Progetto strutturale: Ing. Luigi Tundo;

Progettazione impianti meccanici: Ing. Luigi Tundo;

Progettazione impianti elettrici: Ing. Luigi Tundo;

Coordinamento Sicurezza in fase di Progettazione ed Esecuzione: Ing. Luigi Tundo;

Direzione Lavori: Ing. Luigi Tundo.