LO STUDIO

Lo studio ASP.ILT, formato dai professionisti Arch. Stefano PiazziIng. Luigi Tundo e collaboratori, si è sempre distinto, da più di dieci anni, per la capacità di convogliare e coordinare alte professionalità specialistiche mirando di volta in volta a ottimizzare la composizione del gruppo adeguandola alle più complesse esigenze relative ai più diversi e specifici temi progettuali.

Si è potuta in tal modo conservare un’attitudine “artigianale” dello studio nell’affrontare i progetti, potendo disporre al contempo di una forza organizzativa e di un’offerta qualificata, interne ed esterne, su tutte le competenze necessarie per progettare e dirigere opere di rilevanza economica e di elevato valore civile e culturale.

Affrontiamo ogni nuovo tema, mettendo a disposizione del Committente esperienza e metodo consolidati e via via arricchiti, ma pure, programmaticamente, la freschezza di un atteggiamento progettuale sempre rinnovato, “artigianale” appunto, su ogni diverso testo e contesto, senza mai anteporre soluzioni e dettagli preconfezionati ad una approfondita conoscenza di ogni diverso testo e contesto. Il metodo con cui portiamo avanti le nostre idee e il nostro approccio lavorativo è maturato durante gli anni di collaborazione con il Prof. Arch. Giampiero Cuppini, presso lo studio Cuppini Associati, e nei successivi dieci anni dello Studio ASP.ILT.

La nostra azione professionale spazia in diversi campi: dalla composizione architettonica al restauro, dal design di oggetti, spesso d'arredo, alla progettazione di interni, dal coordinamento in fase di progetto all'esecuzione dei lavori, direzione lavori e Sicurezza, dalla partecipazione a concorsi di progettazione e di idee fino alla realizzazione di masterplan urbanistici, dalla progettazione di scuole e biblioteche all'allestimento museale. I nostri committenti spaziano dai più diversi enti pubblici alle società private.

La rete di collaboratori e consulenti si è consolidata nella reciproca stima e capacità organizzativa sulle esperienze lavorative e sui numerosi concorsi e gare che abbiamo annualmente affrontato, spesso vincendoli.

Questa rete comprende, tra gli altri:
per le strutture nell’ambito del Restauro il Prof. Ing. Claudio Modena, Ordinario in Ingegneria Strutturale all’Università di Padova , l’Ing. Giuseppe Tosti di Perugia noto internazionale, lo Studio Ceccoli Associati (ing. Biondi);

per le strutture in acciaio abbiamo in più occasioni lavorato con il Prof. Massimo Majoviecki.
Tra i consulenti ricordiamo: il Prof. Arch. Giovanni Carbonara, Direttore della Scuola di Specializzazione di Restauro dei Monumenti, Università La Sapienza di Roma.

Tra i primi in Italia (fine anni ’70) ad affrontare concretamente l’edilizia bioclimatica in più di un edificio sperimentale, abbiamo continuato su questa linea fino a fare di questo approccio una cifra tecnica e stilistica.

Abbiamo inoltre avuto la fortuna di lavorare con architetti quali Ludovico Quaroni, Marco Porta ed Ignazio Gardella, Gae Aulenti, Massimo Pica Ciamarra ecc. affinando la sensibilità progettuale in un confronto vero e plurale.

Su tali frequentazioni abbiamo inoltre sviluppato la capacità di comprendere, e quindi efficacemente coordinare, le diverse competenze, facendole confluire in una visione globale e non settoriale della progettazione tout court.

 

I PROGETTISTI

I membri e i collaboratori della società ASP.ILT Srl

 

Ingegnere Direttore Tecnico e Socio di ASP.ILT Srl

ING. LUIGI TUNDO

Gallipoli (LE) 1948


Si è laureato a Bologna con una tesi sul tema “Edilizia Residenziale a Tipologie Variabili con applicazione dei Sistemi Solari Attivi e Passivi per il riscaldamento”. Nei primi anni ’80, nell’ambito di una cooperazione italo americana, sperimenta sistemi passivi in edifici scolastici e residenziali. Da allora si è sempre occupato di edilizia bioclimatica, evolvendo competenza e ricerca, facendone infine un atteggiamento sistematico di affrontare la progettazione.

Svolge, con l'Arch. Piazzi, da più di 20 anni, un’intensa ed articolata attività nel settore museografico, della progettazione in ambito scolastico, bibliotecario, conservazione e restauro. La ricerca progettuale è sempre volta a cogliere i risvolti urbani dell’intervento edilizio, vuoi nella sua complessa articolazione interna vuoi rispetto al contesto, storico o periferico. Questo atteggiamento, assieme ad una conoscenza e sperimentazione trentennale nel campo dell’edilizia bioclimatica, sono diventati una vera e sentita cifra compositiva.

Nel corso della sua carriera si è spesso occupato della Direzione Lavori, e quindi tutto ciò che concerne l'esecuzione di un progetto. Ha spesso svolto ruoli inerenti il Coordinatore della Sicurezza in fase di Progetto e di Esecuzione, essendo in possesso dei requisiti necessari. Ha inoltre curato la prevenzione incendi in diversi progetti.

Dal 1982 al 2009 ha fatto dello studio Cuppini Associati del Prof. Arch. Giampiero Cuppini, di cui è stato fondatore e socio.

Nel 2010 ha fondato ASP.ILT Studio Associato, insieme all'Arch. Piazzi, divenuto nel 2020 ASP.ILT Srl.

I NOSTRI COMMITTENTI

Per chi abbiamo lavorato

AFM BOLOGNA S.P.A

AFM CREMONA S.P.A

AFM PARMA S.P.A

ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITÀ DI BOLOGNA

ARGENTA VOLLEY SRL

CAMERA DI COMMERCIO BOLOGNA

COMUNE DI BASSANO DEL GRAPPA (VI)

COMUNE DI BOLOGNA

COMUNE DI CAMUGNANO (BO)

COMUNE DI CASTEL DI CASIO (BO)

COMUNE DI CESENA

COMUNE DI CESENATICO (FC)

COMUNE DI GAMBETTOLA (FC)

COMUNE DI FANO (PU)

COMUNE DI IMOLA (BO)

COMUNE DI MARANO SUL PANARO (MO)

COMUNE DI MEDICINA (BO)

COMUNE DI MIRANDOLA (MO)

COMUNE DI MODENA

COMUNE DI MONZUNO (BO)

COMUNE DI PORTOMAGGIORE (FE)

COMUNE DI RAVENNA

COMUNE DI SAN BENEDETTO PO (MN)

COMUNE DI SAVIGNANO SUL RUBICONE (FC)

COMUNE DI TRESIGNANA (FE)

COMUNE DI VERGATO (BO)

COMUNE DI ZOCCA (MO)

CREAF - PRATO

ENEL - BOLOGNA

ENTE GESTIONE PARCHI PER LA BIODIVERSITÀ DELL'EMILIA ORIENTALE - PARCO REGIONALE DEL CORNO ALLE SCALE (BO)

ENTE GESTIONE PARCHI PER LA BIODIVERSITÀ DELL'EMILIA ORIENTALE - PARCO REGIONALE DI MONTE SOLE (BO)

FONDAZIONE CARISBO - BOLOGNA

FONDAZIONE CARIMO - MODENA

FONDAZIONE MONTANARI - FANO (PU)

GESCAD SPA - ARGENTA (FE)

MINISTERO DELLA CULTURA, EX MIBACT

MINISTERO DELLA DIFESA

POLIS CERAMICHE - MODENA

PROVINCIA DI ALESSANDRIA

PROVINCIA DI PADOVA

PROVINCIA DI PRATO

PROVINCIA DI MODENA

SEGRETARIATO REGIONALE MIBACT PER L'EMILIA-ROMAGNA, EX DIREZIONE REGIONALE

SOELIA - SOCIETÀ PARTECIPATA COMUNE DI ARGENTA (FE)

SOPRINTENDENZA AI BENI ARCHITETTONICI E PAESAGGISTICI DI BARI

 

COLLABORAZIONI

Con chi abbiamo lavorato

PROF. ARCH. GIOVANNI CARBONARA

Roma 1942

Professore emerito di Restauro architettonico presso la Facoltà di Architettura dell'Università di Roma "La Sapienza". È stato coordinatore del dottorato di ricerca in Conservazione dei beni architettonici e ora è direttore della Scuola di specializzazione in Beni architettonici e del paesaggio (già Scuola di specializzazione in Restauro dei monumenti). Ha inoltre tenuto lezioni presso l'Istituto Centrale del Restauro, l'ICCROM (International Centre for the Study of the Preservation and Restoration of Cultural Property), la Scuola archeologica italiana di Atene, e numerosi altri istituiti culturali italiani e stranieri.

E' il principale esponente del Restauro critico-conservativo, ovvero la teoria secondo la quale non esiste un unico modus operandi per tutti i casi di restauro, ma l'approccio e il progetto di restauro devono adattarsi all'edificio o all'oggetto da restaurare. Inoltre il progetto di restauro consente la reintegrazione di ciò che è mancante, delle lacune esistenti, in maniera distinguibile rispetto a ciò che si restaura, purché alla base del progetto vi sia un attento e approfondito studio storico-estetico-tematico, condotto secondo analisi critico-scientifica.


E' stato Consultente architettonico di molti progetti curati da ASP.ILT, oltre ad essere Consulente di altri studi italiani che si sono occupati di grandi progetti, aventi come oggetto importanti interventi.

Autore di moltissime e rinomate pubblicazioni.

PROF. ARCH. GIAMPIERO CUPPINI

Bologna 1936 - 2019

Fondatore dello studio "Cuppini Associati", Studio tecnico in Bologna, di cui l'Arch. Stefano Piazzi e l'Ing. Luigi Tundo sono stati soci.

E' stato professore di Restauro Architettonico presso l'Istituto di Architettura e Pianificazione territoriale della Facoltà di Ingegneria dell'Università di Bologna, fino al 2005. Precedentemente è stato titolare del corso relativo al Recupero edilizio, nello stesso dipartimento dell'Università di Bologna, afferente all'area di Architettura Tecnica.

E' stato ricercatore per l'Università di Bologna nel campo del Recupero edilizio e dell'edilizia bioclimatica dal 1984.

E' stato coordinatore nazionale del progetto CNR "Recupero Edilizio" (1988 - 1989).

E' stato consulente dell'European Bank for Reconstruction and Development dagli anni '70, con ricerca nel settore bioclimatico e del recupero edilizio.

Autore di moltissime e rinomate pubblicazioni. I suoi lavori sono citati in vari testi, universitari e non, nelle maggiori riviste specializzate.

Come progettista ha svolto diversi progetti, tra cui si ricorda la realizzazione della nuova sede ENEL a Bologna, i restauri delle Mura di Otranto, i restauri di Fano e il restauro di Villa Sorra e Villa Borgatti in Provincia di Modena. Si ricorda anche il suo ruolo nel restauro e attualizzazione funzionale della Biblioteca Classense a Ravenna e di Palazzo Santa Margherita a Modena. Ognuna di queste progettazioni è stata seguita da pubblicazioni o citazioni in riviste tematiche

PROF. ING. MASSIMO MAJOWIECKI

Milano 1945

Laureato nei primi anni Settanta inizia la carriera accademica che lo porta a divenire Professore associato

Nel 1978 fonda a Bologna uno studio di progettazione strutturale (MJW structures) a cui nei successivi decenni sarà affidata la realizzazione di un considerevole numero di progetti, tra i quali meritano di essere ricordati la copertura di Piazza Italia alla Fiera di Milano, la copertura del Palazzo dello Sport di Atene, lo Stadio delle Alpi di Torino e la copertura dello Stadio Olimpico di Roma. Inoltre si ricorda la progettazione delle stazioni TAV di Roma e Firenze, il Centro Congressi Italia all'EUR di Roma e la Nuova Sede del Comune di Bologna al Quartiere Navile.

Autore di numerose e importanti pubblicazioni e conferenze anche di livello internazionale.

PROF. ARCH. FRANCESCO GURRIERI

Bengasi 1938

Si è laureato, nel 1964, col massimo dei voti e lode, a Firenze città dove tuttora opera nell'ambito del restauro. Nel 1966 è entrato, per concorso nazionale, nell'Amministrazione delle Belle Arti (oggi Amministrazione per i Beni e le Attività Culturali) ed è stato Dirigente e Soprintendente dal 1965 al 1981, rappresentando lo stesso Ministero al Consiglio d'Europa. Dal 1980, vincitore di concorso, è passato, come Professore “ordinario”, all'Università degli Studi di Firenze, Facoltà di Architettura, di cui è stato Presidente. Fra gli studiosi delle discipline della “conservazione del patrimonio culturale” è considerato fra i più attenti ed equilibrati protagonisti. Fin dal 1973 ha posto il problema del “restauro del paesaggio e del territorio”, oggi così attuale. Esperto Icomos (International Council on Monuments and Sites) ha istruito il riconoscimento del Centro Storico di Firenze come “Bene universale Unesco”.

La sua preparazione tecnica e umanistica, largamente sperimentata anche a livello internazionale (Ginevra, San Paolo del Brasile, Salvador, Granada, Siviglia, Budapest, Mosca, Praga, Parigi, Londra, Dakar, Lima) ne fanno un fondamentale interlocutore delle discipline impegnate nel restauro.

Tra i più importanti restuari si ricorda l'intervento all'Accademia dei Georgofili di Firenze, ferita dall'esplosione di una bomba dovuta a un attentato di mafia del 1992. Il restauro è stato condotto secondo un approccio critico-conservativo.

È stato fra i primi sperimentatori del “microconsolidamento” nei paramenti lapidei e ad intonaco. È stato sempre presente nel dibattito architettonico ed artistico, dirigendo riviste specializzate o collaborandovi. È direttore di "Critica d'Arte", rivista fondata da Carlo L. Ragghianti. Sul versante umanistico, è direttore del periodico di letteratura “il Portolano”.

PROF. ING. CLAUDIO CECCOLI

Ferrara 1942 - Bologna 2010

Fondatore dello "Studio Ceccoli e Associati" in Bologna.

E' stato Professore ordinario di Tecnica delle Costruzioni presso il Corso di Laurea in Ingegneria Civile dell'Università di Bologna dal 1972 al 1998, e professore ordinario di Complementi di Tecnica delle Costruzioni presso lo stesso corso dal 1976 al 1998.

Dal 1966 al 1972 è stato assistente del Prof. Ing. Piero Pozzati presso l'insegnamento di Tecnica delle Costruzioni.

Studio ASP.ILT ha collaborato con lo Studio Ceccoli, e con il Socio Ing. Daniele Biondi, per il restauro della Biblioteca Classense.

Autore di moltissime e rinomate pubblicazioni. I suoi lavori sono citati in vari testi, universitari e non, nelle maggiori riviste specializzate.

PROF. ING. CLAUDIO GALLI

Russi (RA) 1951

Fondatore e Direttore tecnico dello studio "Architettura&Restauro".

Professore ordinario di Restauro Architettonico presso il Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura, Università di Bologna, dal 2005. E' stato professore ordinario di Recupero e conservazione degli edifici presso il Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura, Università di Bologna, dal 2005 al 2011.

E' stato professore a contratto di Recupero e conservazione degli edifici presso il Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura, Università di Bologna, dal 1988 al 2005, assistente del Prof. Arch. Giampiero Cuppini.

Autore di molte e rinomate pubblicazioni. I suoi lavori sono citati in vari testi, universitari e non, nelle maggiori riviste specializzate.

Tra gli interventi più importanti si ricordano i restauri di Fano, il restauro di Palazzo Medici-Riccardi a Firenze, quello di Palazzo Vestri a Prato, il restauro della Biblioteca Classense a Ravenna, del Palazzo Comunale di Mirandola, del Teatro Amintore Galli di Rimini e di molti edifici della Provincia di Ravenna

PROF. ING. CLAUDIO MODENA

Verona 1946

Direttore Tecnico di "SM Ingegneria Srl".

Professore emerito di Tecnica delle Costruzioni presso la Facoltà di Ingegneria dell'Università di Padova, titolare anche dei corsi di "Costruzioni in zone sismiche" e "Teoria e Progetto di Ponti". È stato Direttore, presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Padova, dei master universitari istituiti a partire dall’anno accademico 2002-2003, in “Restauro Strutturale dei Monumenti e dell’Edilizia Storica” e “Progetto di Infrastrutture nell’ambito dell’attuazione di Piani Territoriali”.

Dal 2011 il Prof. Claudio Modena è membro della Commissione di Revisione delle Norme Tecniche per le Costruzioni (ex Cabina di Regia). 

Rappresentante dell’Università di Padova presso il Distretto Veneto Beni Culturali, di cui è attualmente membro del Consiglio di Amministrazione e Responsabile scientifico.

Dal 2011 il Prof. Claudio Modena è direttore del centro interdipartimentale in Studio e conservazione dei beni archeologici e architettonici

Autore di moltissime e rinomate pubblicazioni. I suoi lavori sono citati in vari testi, universitari e non, nelle maggiori riviste specializzate.

ING. GIUSEPPE TOSTI

Perugia 1927

Ha collaborato con Sisto Mastrodicasa e svolto, in qualità di suo assistente, attività didattica presso le Università di Firenze, Roma, Milano e Napoli (dal 1958 al 1966).

Nel 1960 apre a Perugia, in Corso Vannucci,10 presso Palazzo Vajani, lo  "Studio Tecnico Ing. Giuseppe Tosti"

Nel 1988 è socio fondatore e presidente dell' "Associazione Sisto Mastrodicasa", istituita per incentivare la ricerca, lo studio e l'applicazione delle metodologie di indagine e di intervento per il Restauro e il Consolidamento degli edifici.

Membro e relatore di numerosi convegni sul tema del Restauro e del Consolidamento. 

Nel 2001 fonda lo "Studio Tecnico di Ingegneria e Architettura Ing. G. Tosti e Associati", di cui è il legale rappresentante. 

Autore di molte e rinomate pubblicazioni. I suoi lavori sono citati in vari testi, universitari e non, e nelle maggiori riviste specializzate.

ING. GIOVANNI CANGI

Città di Castello (PG) 1959

Svolge attività professionale dal 1985, occupandosi prevalentemente di interventi di recupero e consolidamento antisismico dell’edilizia storica, settore in cui ha maturato esperienze già dal 1989 nell’ambito del Laboratorio Urbanistico per il Centro Storico di Città di Castello (PG), dove si è occupato della redazione del Manuale del Recupero (1992). In seguito ha collaborato alla redazione di diversi Manuali per le Città di Roma e Palermo, e del Manuale per la Riabilitazione e la Ricostruzione post-sismica degli edifici della Regione Umbria (1999).
E’ autore del “Manuale del Recupero Strutturale e Antisismico” (2005), edizioni DEI (Tipografia del Genio Civile di Roma), del volume “Analisi strutturale per il recupero antisismico” in collaborazione con altri Autori (2010) e di una serie di pubblicazioni su volumi e riviste scientifiche rivolte anche all’ambito archeologico.
Ha sviluppato collaborazioni scientifiche con numerose istituzioni tenendo corsi e docenze presso varie Università. Attualmente. E’ docente nel Master di II livello in “Restauro architettonico e cultura del patrimonio” dell’Università degli Studi di RomaTre - Fac. di Architettura, nel Master sul “Miglioramento sismico, restauro e consolidamento del costruito storico e monumentale” dell’Università degli Studi di Ferrara.

Dal 2003 al 2008 ha svolto attività didattiche relative al "Cantiere di recupero: interventi di consolidamento" presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università di Roma Tor Vergata, integrative ai corsi di "Progettazione architettonica per il recupero degli edifici 1 e 2".

Si è occupato del consolidamento di diversi complessi monumetali archeologici, come gli interventi alla Domus di Tiberio al Palatino, Roma, e alla Basilica Emilia al Foro repubblicano, Roma, Oltre a diversi interventi su monumenti di carattere nazionale come il consolidamento della Facciata del Duomo di Orvieto e il Consolidamento della Scalinata dell'Ara Coeli.