To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

Vergato sala espositiva 2.jpg
press to zoom
Vergato sala espositiva 3.jpg
press to zoom
Vergato sala espositiva 1.jpg
press to zoom
Vergato corridoio 1.jpg
press to zoom
Vergato Schizzo Piazzi 1.jpg
press to zoom
Vergato schizzo Piazzi 2.jpg
press to zoom
Vergato schizzo Piazzi 3.jpg
press to zoom
Vergato sala espositiva 2.jpg
press to zoom
Vergato sala espositiva 3.jpg
press to zoom
Vergato sala espositiva 1.jpg
press to zoom
Vergato corridoio 1.jpg
press to zoom
Vergato Schizzo Piazzi 1.jpg
press to zoom
Vergato schizzo Piazzi 2.jpg
press to zoom
Vergato schizzo Piazzi 3.jpg
press to zoom

ALLESTIMENTO "GOTICA 64 - LA STRADA DEL FRONTE APPENNINICO" - VERGATO (BO)

2019

Il museo dedicato alla Linea Gotica di Vergato nasce per ricordare gli eventi dell'inverno 1944 - 1945, periodo della Seconda Guerra Mondiale in cui il fronte tra i territori italiani occupati dalle forze nazifasciste e i territori già liberati dalle forze alleate si attestò sull'Appennino Bolognese. 

Questo periodo buio per la storia dell'Appennino, e più in generale della storia italiana, iniziò nell'ottobre 1944, quando le forze alleate si attestarono a Castiglione dei Pepoli (BO), Monghidoro (BO), e poco a Sud di Porretta Terme (BO), Sestola (MO) e Montese (MO). Durante il periodo della Linea Gotica si registrarono feroci combattimenti, alcuni dei quali proprio nel Comune di Vergato, nella frazione di Santa Lucia. Furono molti anche gli eccidi, tra i più importanti sicuramente vi fu quello di Monte Sole, a Marzabotto (BO), del dicembre 1944.

Quando nell'aprile 1945 le forze Alleate riuscirono a rompere la Linea Gotica e a raggiungere Bologna, si trovarono di fronte diversi paesi completamente distrutti, tra cui Vergato (BO), Marzabotto (BO) e Sasso Marconi (BO).

Lo Studio ASP.ILT, insieme ad altri professionisti, è stato incaricato di riallestire la mostra sulla Linea Gotica, posta nel complesso edilizio delle Ex Fornaci a Vergato (BO). L'idea, portata avanti specialmente dall'Arch. Stefano Piazzi, era quella di allestire dei piccoli box neri che creassero una situazione di maggiore intimità e un rapporto più stretto tra il visitatore e il racconto degli eventi. Per spiegare gli eventi si è pensato di utilizzare file multimediali, quali video, immagini e suoni, oltre a testi, immagini e mappe riportate sulle pareti.

Progettisti

Committente: Comune di Vergato;

Progetto Architettonico: ASP.ILT (Arch. Stefano Piazzi, Ing. Luigi Tundo).