To play, press and hold the enter key. To stop, release the enter key.

Museo Marengo 02.png
press to zoom
Museo Marengo 08.png
press to zoom
Museo Marengo 06.png
press to zoom
Museo Marengo 07.png
press to zoom
Museo Marengo 01.png
press to zoom
Museo Marengo 03.png
press to zoom
Museo Marengo 02.png
press to zoom
Museo Marengo 08.png
press to zoom
Museo Marengo 06.png
press to zoom
Museo Marengo 07.png
press to zoom
Museo Marengo 01.png
press to zoom
Museo Marengo 03.png
press to zoom

ALLESTIMENTO DEL MUSEO DELLA BATTAGLIA DI MARENGO - MARENGO (AL)

2009 - 2010

Il Marengo Museum racconta la storia della Quinta Campagna d'Italia, importante campagna militare napoleonica che vide contrapposti l'esercito francese del Primo Console, futuro Imperatore, Napoleone Bonaparte a quello austriaco dell'Arciduca Francesco II, Futuro imperatore d'Austria e ultimo imperatore del Sacro Romano Impero. La Battaglia si svolse il 14 giugno 1800 e terminò con una schiacciante vittoria francese, che costrinse gli austriaci alla pace e portò Napoleone a essere Imperatore dei francesi.


Il Museo analizza le cause, gli sviluppi e le conseguenze della Battaglia, nella convinzione che la vittoria di Bonaparte abbia costituito un elemento importante nella successiva storia europea e uno degli atti fondanti per il processo italiano di unificazione nazionale. Si tratta di un "museo di guerra", dedicato alla Battaglia di Marengo, e come tale pone molte difficoltà sul messaggio che si vuole trasmettere. Si è optato per rafforzare il mito più che la ferocia, a cui ormai, purtroppo, i giovani sono assuefatti. Si è scelto come fondamentale strumento di comunicazione e suggestione la luceche "Illumina le idee" del Curatore. Il Marengo Museum riconosce l'importanza assunta dalla inestricabile connessione esistente fra storia, mito e leggenda di Marengo e ne fa la cifra narrativa fondamentale intorno alla quale costruire il percorso museale.


Il progetto

Ogni ambiente è stato progettato sia come elemento autonomo e di per sé significante, sia come "capitolo" di una sequenza di più ampio respiro all'interno dell'episodio della Battaglia e della sua importanza storica. La continuità è espressa a livello progettuale nei traguardi, nei varchi che vengono lasciati fra le stanze di cui il progetto accentua le mire frapponendo elementi trasparenti e traguardi (riproduzioni o materiali significativi) fra alcune stanze vicine o lungo le infilate longitudinali.

E' evidenziata inoltre dall'omogeneità dei trattamenti, dei materiali, dei colori, attribuita ad ogni sottosistema; così per quanto riguarda il "tocca e prova", la scoperta della collocazione dell'animale nelle divise, nelle vicende, in stemmi e bandiere. L'autonomia dei temi è invece espressa piuttosto dalla declinazione in forme scarti angolari, geometrie, elementi di sorpresa e suggestione attributi ad ogni tema trattato, in modo da meglio descrivere le intenzioni dei Curatori e creare una varietà stimolante lungo tutto il percorso espositivo.


La luce

La luce è un elemento fondamentale per la migliore resa e sottolineatura dei materiali esposti e per la suggestione che taluni allestimenti sono chiamati ad esprimere (ad esempio le "cere" degli ambienti 5 e 15, alle divise e ai costumi).

La luce è stata modulata per sottolineare le caratteristiche degli ambienti e delle ambientazioni e l'emotività delle scene invernali si è intervenuti con spot a luce fredda, mentre per gli altri elementi il puntamento diventa momento fondamentale per la determinazione di luci e ombre che accompagnino in maniera drammatica questi episodi tridimensionali.

Per le opere a sviluppo bidimensionale (quadri, stampe, grafiche e testi) si è scelta un'illuminazione wall wacher con temperature colori, omogeneità, intensità mirate alla più netta fruizione delle informazioni.

La valorizzazione dell'edificio storico

Dato l'interesse storico documentario e artistico dell'edificio che ospita l'allestimento e la sua omogeneità al tema trattato, si è ritenuto di coinvolgerne l'architettura e le decorazioni nell'ambito espositivo. A questo scopo si è scelto, per quanto possibile, di concentrare l'allestimento lungo i perimetri degli ambienti e di illuminazione delle volte, valorizzando gli elementi iconografici (assai pertinenti al tema museale) rappresentati. L'intensità luminosa sulle volte è stata contenuta nel rispetto delle colorazioni. In generale l'illuminazione è stata tenuta complessivamente bassa per garantire una buona visibilità delle numerose e diffuse proiezioni. Al fine di interferire il meno possibile con l'edificio e conferire un ordine comune agli ambienti si è pensato ad un telaio portante progettato e realizzato appositamente che gira ad una distanza di circa 1.2 m dalle pareti, posto a un'altezza di circa 3 m. Le alimentazioni e i driver sono stati alloggiati in modo nascosto lungo tale sistema.

I percorsi didattici

Il progetto museografico è stato organizzato anche per la fruizione di bambini, scuole e visite guidate, in quanto il Museo di pone come centro didattico in grado di fare di sé stesso uno strumento di conoscenza della Storia. Sono state messe a punto installazioni (pannelli "tocca e prova" e box "guarda e scopri") per sviluppare la dimensione senso-motoria dell'apprendimento, attraverso la manipolazione di oggetti, che si integrano alle installazioni multimediali di tipo interattivo.

Progettisti

Committente: Provincia di Alessandria;

Progetto Architettonico: ASP.ILT (Arch. Stefano Piazzi e Ing. Luigi Tundo), Arch. Silvia Morselli;

Direzione Lavori: Arch. Stefano Piazzi, Ing. Luigi Tundo, Arch. Silvia Morselli.